Campioni si diventa: incontro con Sveva Schiazzano

0
2982
Baku, Azerbaijan 25 giugno 2015 1st European Games. Nuoto 1500 stile libero donne. Sveva Schizzato e' medaglia d'oro. Foto Simone Ferraro / GMT
Campioni si diventa: incontro con Sveva Schiazzano
4 (80%) 81 votes

All’Ulysse Wellness di Sorrento abbiamo fatto una piacevole chiacchierata con la giovanissima Sveva Schiazzano, oro nel nuoto ai Giochi Europei Baku. Tra sogni, passioni, sacrifici e tanta strada da percorrere.

Il 18 e il 19 dicembre, presso lo Stadio del nuoto di Riccione, si svolgeranno i campionati italiani assoluti invernali in vasca lunga. In Penisola, anche quest’anno, si avrà l’opportunità di sostenere la giovanissima Sveva Schiazzano.
Sveva non è solo l’atleta che molti conoscono, ma soprattutto è una semplice adolescente che, oggi si racconta così.

D: Ciao campionessa! Tutti ti conoscono per i brillanti risultati ottenuti, noi invece voglia-mo sapere qualcosa in più di te; chi è Sveva quando non è in acqua?
R: Sorride. Una ragazza di sedici anni che frequenta il quarto anno del liceo scientifico G.Salvemini di Sorrento. Cosa faccio? Studio, mangio e adoro trascorrere il tempo libero con gli amici.

D: Bene e quanto tempo libero hai?
R: Poco.

sveva-staffD: E a sedici anni quanto pesa?
R: (Ci pensa) Non lo so perché ho sempre impostato così la mia vita; sono tante le volte che ho detto di no.

D: Sono molti i sacrifici?
R: Si, spesso mi è capitato di dover fare diverse rinunce; ad esempio non poter sempre uscire il sabato con le mie amiche, non poter partecipare a tutte le feste e non poter scegliere quando viaggiare. Nonostante ciò mi ritengo molto fortunata perché, ho avuto la possibilità di fare tante esperienze, conoscere posti nuovi ed incontrare persone che, come me condividono la passione per il nuoto.

D: A proposito di viaggi, qual è stato il posto più bello visto fin ora e dove ti piacerebbe andare?
R: L’Olanda, ci sono stata due anni fa per gli EYOF (European youth olimpico festival), mi è piaciuta moltissimo e mi ha lasciato dei bei ricordi; ma se potessi in questo momento prenderei un’aereo e andrei in America.

D: Passiamo alle tue passioni, oltre al nuoto cosa c’è?
R: Amo la musica, adoro viaggiare e stare con i miei amici.

D: Adesso se potessi scegliere cosa mangeresti?
R: Ride. Una bella pizza, da buona napoletana.

D: Se ti invitassi al cinema, che film sceglieresti?
R: Mi piacciono molto i film d’azione e i thriller, ne sceglierei uno che tratta questi temi.

D: Ti hanno regalato un libro, quale vorresti che sia?
R: Mi piace leggere ma non ho un libro preferito, di solito scelgo i gialli.

D: è quasi Natale, cosa ti piacerebbe trovare sotto l’albero?
R: Onestamente non c’ ho ancora pensato.

D: Nel prossimo 2016, che è l’anno olimpico, per provare a partecipare ai giochi, pensi di dover andar via dalla penisola?
R: No, anche se devo dire di aver ricevuto delle offerte da importanti società italiane, ma per ora non ho nessuna intenzione di lasciare la mia “seconda casa”, la Swimming Sorrento.

D: Come mai?
R: Perché presso la piscina Ulysse, dove mi alleno quotidianamente, mi sento coccolata e ben seguita, esattamente come lo sono a casa.
Qui a Sorrento ho la fortuna di poter usufruire non solo della piscina, dove ho il mio allenatore Marco Veno, ma allo stesso tempo della palestra dove c’è il mio preparatore atletico Lello Cuccurullo e infine del centro riabilitativo dove ho potuto curare i miei infortuni. E’ da dieci anni che sono qui, ho le mie compagne di squadra dalle quali spero di potermi separare il più tardi possibile.

Grazie Sveva ed in bocca al lupo per il futuro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here