Il collier di turchese

0
1938
Il collier di turchese
2 (40%) 213 votes

Mentre all’interno del suo negozio
un orafo se ne stava un pò in ozio,
s’accorse che davanti alla vetrina
da tempo era ferma una bambina.

Alla fine essa entrò e chiese:
“Quanto costa quel collier di turchese?”,
incredulo e con un fare scaltro:
“E tu quanti soldi hai?” –disse l’altro-.

“Non lo so! –rispose la bambina-,
guardate cosa c’è in questa lattina”
e senza darsi ulteriori pensieri,
versò sul banco tutti i suoi averi.

Di monete c’era una manciata,
una conchiglia smangiucchiata
monete di carta di piccolo taglio,
“Bastano!” -poi disse con orgoglio-.

“Non è per me ma è per mia sorella,
una ragazza molto buona e bella,
ha gli occhi azzurri come il cielo
e della Vergine del santo velo”.

“Da quando mamma è andata in pace
mi cresce e fa tutto lei in sua vece,
e poiché oggi lei compie gli anni
vorrei ripagarla dei tanti affanni”.

A quel punto l’orafo, prima perplesso
ma dopo palesemente commosso,
confezionò alla cara bambina
l’astuccio con la preziosa collana.

“Prendi –disse- porta a tua sorella
questa collana altrettanto bella”,
falle da parte mia tanti auguri
per oggi e per gli anni futuri”.

La bambina al colmo dell’allegria
prese il pacchetto e scappò via
per andar velocemente a casa
assai contenta e di sé orgogliosa.

Un’ora dopo, certo, inattesa,
una ragazza chiaramente tesa,
l’orafo se la trovò nel negozio
ma questa volta non stava in ozio.

Occhi azzurri, capelli color miele,
insomma bellissima come il Sole,
sempre irata e con decisione
posò un pacchetto sul bancone.

Era il pacchetto con la collana
che aveva venduto alla bambina,
disse: “Questa è stata comprata qui?”,
“L’orafo rispose: “Certamente, sì!”.

“Allora deve dirmi quant’è costata”
-ribattè la ragazza molto irata-,
“Sul prezzo non posso dirle niente”
-rispose l’orafo molto paziente-.

“Il prezzo riguarda me e il cliente
perciò non posso nè voglio dirle niente”,
“Mia sorella –insistette la fanciulla-
aveva pochi soldi, quasi nulla”.

L’orafo con pazienza certosina
disse: “Se la riprenda, signorina,
sua sorella ha pagato col cuore,
dimostrandole tutto il suo AMORE”.

 

di Salvatore Spinelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.