Monte Faito: la vetta della Penisola Sorrentina

0
5178
Monte Faito: la vetta della Penisola Sorrentina
3 (60%) 164 votes

Il monte Faito è la più alta montagna presente sul territorio compreso tra la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana. Dalla sua cima più alta, posta a 1445 metri slm, si possono ammirare i più bei panorami sulle due costiere fino a scrutare il resto della catena dei monti Lattari di cui fà parte. La prima curiosità è che il nome Faito deriva dall’estesa faggeta che ne ricopre la cima e gran parte della superficie. Anticamente il suo nome era Monte Auro (o Gauro), parola che significa Monte, e dal quale derivano i nomi dati alla Madonne di S.Maria del Toro (del monte Auro – Tauro – Toro) e S.Maria del Lauro (da S.Maria dell’Auro). In seguito cambiò il nome in Monte S.Angelo ed anche qui ricordiamo una curiosità legata al piccolo monte presente in Penisola Sorrentina, Piccolo S.Angelo (e non Picco S.Angelo) che si contrapponeva al Grande S.Angelo che era proprio l’attuale Monte Faito.
Su questa montagna, oltre alla faggeta, sono presenti altri tipi di alberi piantati con un progetto ben preciso per le esigenze commerciali dell’uomo. Infatti le varietà vanno dal castagno ceduo, tagliato ogni 20 anni per la raccolta dei pali da utilizzare per i pergolati, al castagno da frutto per il commercio, agli alberi di pino e quercia che risalgono all’epoca Borbonica, usati per la costruzione delle navi a vela nei cantieri di Castellammare.
Il monte Faito, un tempo ricadente nel territorio del ducato di Sorrento, è stato sempre protagonista della vita dei paesi posti alle sue pendici.
faito-6Un altro tipo di commercio che si faceva su questo monte, sconosciuto e di aspetto meraviglioso, era l’industria della neve. Sulla cima del monte, per molti mesi dell’anno, è sempre nevicato (anche se nel passato ciò era più frequente dato le temperature terrestri più basse). L’ingegno e l’esigenza di poter usare la neve per conservare o raffreddare i cibi fece nascere un fiorente commercio detto appunto “industria della neve”. Questo commercio era presente già all’epoca dei Romani e fu una delle qualità del territorio, insieme alle limpide acque del fiume Sarno, a permettere la colonizzazione della Campania Felix ai piedi del Vesuvio. Per riuscire a conservarla per più mesi veniva conservata in ampie fosse ancora presenti e riconoscibili sul territorio. Queste enormi fosse venivano riempite di neve fino al bordo e, tutt’intorno, venivano lasciati gli alberi più grandi che dovevano ombreggiare e tenere fresco il posto anche quando la temperatura cominciava ad aumentare. Ed è proprio dalla presenza dei grandi faggi, disposti a cerchio lungo i bordi di ampie fosse, che si possono riconoscere i luoghi dove esistevano queste strutture. La neve veniva poi trasportata a valle dopo quattro ore di cammino con asini o, più velocemente, utilizzando i “Paluorci”, un sistema di rudimentale funivia e delle quali restano i ruderi delle strutture portanti.
Un’altra traccia di questo commercio la ritroviamo, specialmente sui versanti di Vico Equense e Castellammare, nelle chiese della Madonna della Neve presenti lungo le direttrici usate per trasportare la neve dalla cima del monte a valle per poi imbarcarla per Napoli dove c’era una condizione di ricchezza e di richiesta maggiore. Resta nella saggezza popolare un detto antico che recita “Te piace ‘o vino ca’ neve”. Questo proviene proprio dall’uso della neve per rinfrescare le bevande delle persone piu’ ricche. (Un completo approfondimento dell’argomento è stato pubblicato sul libro dello scrittore – escursionista Gaspare ADINOLFI – “’E VVIE SULITARIE” presente in tutte le librerie locali).
faito-3Come abbiamo visto il monte Faito è ricco di storia ancora percepibile e queste curiosità accrescono la voglia di visitarlo o di organizzarci varie escursioni. I sentieri più interessanti seguono le vette più panoramiche infatti da Pian del Pero, zona dove esisteva un maneggio, parte un sentiero che raggiunge la Conocchia e poi il Monte Molare, attraversando le vette panoramiche per raggiungere la cima più alta.
Il Molare resta la cima più alta e più ambita dagli escursionisti per la sua atmosfera meravigliosa e mistica ma, attraverso i boschi, esistono centinaia di sentieri di tutti i livelli di difficoltà. Un escursione sul Monte Faito può comprendere anche una sosta presso le strutture turistiche esistenti, sempre accoglienti ed ospitali con i visitatori.
La fortuna di avere, a poca distanza, sia il mare che l’alta montagna ci dà la possibilità di poter scegliere ogni escursione a secondo delle esigenze e delle condizioni meteo e ci fà comprendere le ricchezze di un territorio ricco di storia, di bellezze naturali e di fascino. Anche per questo merita di essere difeso.

Consigli per il Trekking

faito-5Prima di intraprendere qualsiasi percorso trekking è importante avere un minimo di preparazione fisica. Il trekking è uno sport che viene praticato un po’ da tutti. Bisogna però sapere che, come in ogni altra attività, è fondamentale abituare gradatamente il corpo agli sforzi che dovrà produrre. Prima di avventurarsi in qualsiasi percorso è inoltre importante studiare le carte topografiche.

L’abbigliamento

Molto importante per la riuscita di una escursione è l’abbigliamento. Vestirsi adeguatamente secondo la stagione non significa certamente scoprirsi troppo d’estate e imbottirsi esageratamente in inverno; essenziale in ogni abbigliamento, sia esso estivo od invernale, è garantire un movimento libero al corpo. Indossare capi leggeri, comodi e poco vistosi, sovrapponibili in modo da poter controllare la temperatura togliendoli o aggiungendoli, a seconda delle proprie necessità. Le scarpe devono essere adeguate al tipo di fondo che andremo a percorrere.

Rifiuti

L’autodisciplina è indispensabile: anche un cerotto o un foglio di carta stagnola possono rovinare la bellezza di un prato! Si consiglia di riporre tutto nello zaino in apposito contenitore e di prelevare qualsiasi rifiuto che si incontra sul cammino.

La natura

Camminare in mezzo alla natura è un’esperienza affascinante, oggi divenuta un vero lusso considerata la vita moderna e la meccanizzazione in genere.
Ascoltare il cinguettio degli uccelli, mentre un raggio di sole attraversa un cespuglio, sentire il profumo delle piante in fiore, sono emozioni che solo Madre Natura riesce a regalarci.
Il trekking avvicina l’uomo a queste sensazioni perdute, che un tempo erano normali abitudini di vita.

 

di Nino Aversa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.