Intervista a Red Canzian

0
3665
Intervista a Red Canzian
2 (40%) 203 votes

Il famoso cantante e bassista dei Pooh, Red Canzian, racconta il suo graduale avvicinamento a uno stile di vita più sano. Un cambiamento frutto della curiosità e del coraggio nell’affrontare le sue sfide.

Come ti sei avvicinato a questa decisione?
«Diciassette anni fa sono diventato vegetariano, ma continuavo a mangiare pesce, anche perché amavo la pesca. Tre anni fa, ero a pescare in un fiume e avevo appena tirato su una trota. Vederla tentare di svicolarsi dall’amo, saltellare, quasi a implorarmi il desiderio di racciuffare la vita che le stavo per togliere, mi ha fatto perdere ogni motivazione e ragione per continuare. L’ho liberata. Ed è stata una tale gioia vederla ricominciare a muoversi sott’acqua che mi sono detto: “quale diritto ho io di dare la morte a un essere vivente? Da lì ho deciso di non mangiare più nulla che fosse di provenienza animale, compresi i derivati. Perché il latte e le uova che troviamo nei supermercati provengono da allevamenti intensivi dove l’animale è sfruttato e molto spesso “pompato“ con varie sostanze affinché possa produrre di più. Da una ragione etica, sono poi passato a un discorso salutistico. La nostra anatomia, il nostro intestino, il tipo di denti che abbiamo, non ricordano la morfologia anatomica tipica del carnivoro. Purtroppo la nostra cultura ci ha insegnato tante cose sbagliate sul cibo».
Hai riscontrato giovamenti per la tua salute?
«Ultimamente mi sta succedendo sempre più spesso che la gente mi chieda se ho fatto un patto col diavolo, perché mi vedono sempre giovane. Faccio periodicamente esami del sangue e posso dire che a 60 anni i risultati sono perfetti, sembrano quelli di un ragazzino».
Riesci a farti capire nel tuo ambiente o noti ancora scetticismo e diffidenza verso certi comportamenti salutistici, come per esempio considerare la dieta vegana povera di sapori?
«In famiglia sanno che quando faccio una scelta è fatta con convinzione; ogni tanto mi prendono in giro perché mi vedono mangiare cibi che prima non conoscevano; ma piano piano li sto convincendo a cambiare. Mia moglie si adegua alla mia dieta quando siamo soli e mia figlia Chiara ha già smesso di mangiare carne. Tra i miei colleghi, uno ha deciso di dire no alla carne e un altro ne mangia molto meno di prima…piano piano. Ma a volte con queste scelte radicali si rischia di crearsi dei nemici, come se le considerassero un attacco indiretto, un’accusa neanche troppo sommessa alle loro abitudini… In ogni caso, la scelta vegetariana dovremmo farla anche pensando ai nostri figli».
Ti riferisci all’impatto ambientale di un regime carneo?
«Sì, allo spreco di risorse energetiche e ambientali che esso provoca. Se noi impiegassimo tutti i cereali che diamo agli animali da allevamento per affrontare la fame del mondo, in un giorno risolveremmo il problema. Dobbiamo essere consapevoli delle nostre responsabilità sulle scelte che facciamo e che condizioneranno le future generazioni».

Stralcio di un articolo tratto dal web (www.vitaesalute.net), a cura di Ennio Battista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.