Lower crossed syndrome – II parte

0
6900
Lower crossed syndrome – II parte
4 (80%) 91 votes

Lower crossed syndrome: la sindrome crociata inferiore, scoperta e studiata dal Dr. Vladimir Janda (1988), è causata da uno squilibrio muscolare nel compiere il movimento di rotazione anteriore e posteriore del bacino causando atteggiamenti posturali scorretti.
Nell’articolo precedente mi sono concentrata sulla rotazione anteriore del bacino mentre in quest’articolo parleremo della postura scorretta causata dal continuo atteggiamento del bacino in rotazione posteriore.

Rotazione posteriore del bacino

Questo squilibrio muscolare interessa individui che passano lungo tempo seduti durante la giornata. Mentre una rotazione anteriore del bacino è generata da una posizione verticale alla scrivania, una rotazione posteriore del bacino avviene quando una persona si siede sul sacro, si appoggia indietro e s’incurva sopra la scrivania come mostrato nella foto.
Nello specifico la continua contrazione dei muscoli addominali insieme con la continua contrazione dei muscoli grande e medio gluteo, inibisce i muscoli flessori del bacino, come illeopsoas e retto femorale, insieme gli estensori toraco-lombari, rendendoli deboli.

Atteggiamento posturale scorretto

La rotazione posteriore del bacino (figura B) crea la seguente postura:

  • Protrazione della testa;
  • Ipercifosi della colonna toracica;
  • Ipolordosi della colonna lombare;
  • Iperestensione delle ginocchia a causa della contrazione continua dei muscoli ischio crurali;
  • Squilibrio muscolare dei muscoli del tronco (Janda 1987).

Sintomi

Solitamente la cattiva postura del tronco influenza la regione pelvica, infatti, il bacino cerca di fornire la giusta inclinazione per trovare un contrappeso.
La rotazione posteriore del bacino può portare a dolore in tutto il corpo. I problemi più comuni sono: sciatica, mal di schiena, dolore alla colonna toracica e dolore al collo.

Trattamento

Per il trattamento dei pazienti con la sindrome crociata inferiore i muscoli contratti devono essere rilassati prima di rinforzare i muscoli deboli sulla base della legge di reciproca inibizione. Quindi, in caso di rotazione posteriore del bacino, il primo obbiettivo è quello di rilassare le articolazioni del bacino e della colonna lombare. In seguito, si può passare a distendere con esercizi di stretching specifici i muscoli addominali (soprattutto il retto addominale), il grande e medio gluteo e i muscoli ischio crurali.
Infine, è necessario rinforzare i muscoli flessori del bacino e gli estensori della colonna lombare. Tutto ciò, sarà più facile se il paziente si sottopone prima e durante a un trattamento chiropratico, poiché l’aggiustamento chiropratico assicura all’articolazione della colonna vertebrale e del bacino libertà di movimento in assenza di dolore e al pieno della loro funzione.

Dato che, il trattamento chiropratico è volto a curare la causa primaria delle contrazioni e delle debolezze muscolari, sarà consigliato un programma di esercizi di correzione posturale per correggere l’atteggiamento scorretto a casa, al lavoro, durante la guida e durante la notte.

 

di Barbara Martino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.